News

Digitalizzazione e decarbonizzazione degli scali

I porti dell’Alto Tirreno sono sempre più green

di Redazione

Anche quest’anno l’AdSP del Mar Tirreno Settentrionale ha superato le verifiche dell’ente certificatore RINA Services S.p.A. per il rinnovo della certificazione ambientale e della registrazione EMAS, attestazione volontaria per le imprese e gli enti che operano nel rispetto dell’ambiente, con prevenzione dell’inquinamento delle proprie attività e di quelle svolte presso le aree amministrate.

Dal giugno di quest’anno il sistema di gestione ambientale dell’Authority è stato inoltre adeguato al nuovo standard UNI EN ISO 14001:2015 ed esteso ai porti di Piombino, Portoferraio, Rio Marina e Cavo. «Si tratta di un traguardo significativo che conferma la nostra attenzione alle politiche di digitalizzazione e decarbonizzazione degli scali marittimi» commenta soddisfatto il presidente Stefano Corsini.

Tra le attività per le quali l’Authority ha ricevuto il “bollino verde” vi sono il potenziamento delle piattaforme di monitoraggio per la gestione delle merci pericolose (Mo.NI.CA), lo sviluppo e la promozione nell’uso di carburanti green alternativi a quelli tradizionali come il Gas Naturale Liquefatto (GNL), il progetto di delocalizzazione alla radice della Darsena Toscana delle rinfuse solide che attualmente si trovano al Terminal Calata Orlando, la realizzazione di linee di illuminazione a LED delle banchine portuali nonché le attività di dragaggio conformi, tanto a Livorno quanto a Piombino, agli standard ambientali.

 

Tags:
Torna su