News

Nuovo terminal crociere da 26 mln di euro

Ambizioni da grandeur per Ravenna

di Redazione Port News

Sviluppare l’ampio margine di crescita di una città che dopo Venezia vanta un primato storico-cultuale incredibile. Rilanciare lo scalo attraverso una migliore strutturazione dei servizi crocieristici e arrivare a movimentare a regime almeno 330 mila passeggeri all’anno, ponendosi come punto di riferimento nell’ambito dell’Alto Adriatico.

L’AdSP del porto di Ravenna ha dato stamani ufficialmente avvio al bando per la realizzazione di un progetto che cambierà completamente l’aspetto dell’attuale terminal crociere.

Il bando pone a base di gara la proposta di gestione del terminal crociere di Porto Corsini presentato ad agosto del 2020 dalla compagnia crocieristica Royal Carebbean e approvato dal Comitato di Gestione a fine anno. La compagnia di navigazione parteciperà alla gara con la qualifica di promoter, esercitando il diritto di prelazione nel caso in cui all’esito della stessa non risultasse aggiudicataria. Sulla base delle stime fornite da Rossi, la concessione, della durata di 35 anni, ha un valore stimato di 220 milioni di euro.

La Stazione Marittima avrà due piani e un’estensione di 10.000 metri quadrati (5.000 mq a piano), cui si collegherà un’area da 60.000 metri quadrati dedicata ai servizi connessi (parcheggi, aree riservate alla movimentazione dei mezzi). La nuova infrastruttura sorgerà all’imboccatura del porto di Ravenna, in località Porto Corsini e avrà un costo complessivo di 26 milioni di euro, di cui 20 a carico del privato e 6 invece a carico dell’Autorità di Sistema Portuale.

La facility verrà completata in due anni, nel frattempo il terminal funzionerà con una struttura provvisoria. Le attività di dragaggio consentiranno al porto di avere già nel 2022 fondali da 11 metri. L’obiettivo è di arrivare ad avere 12 metri di fondale entro il 2024. La previsione è di una trentina di accosti entro il 2023 per poi salire a regime a 70/80 accosti all’anno. I termini per la presentazione delle offerte si chiuderanno il 16 di luglio. L’aggiudicazione definitiva è prevista per la fine dell’Estate.

Collegato al progetto è l’intervento di realizzazione, completamente a carico dell’AdSP, di un’area verde da 120.000 mq da destinare alle attività ricreative  e turistiche. Il costo si aggira attorno ai sei milioni di euro. La previsione è di avviare i lavori entro fine anno.

Infine, l’AdSP prevede di avviare un nuovo Project Financing per la realizzazione di un sistema di elettrificazione delle banchine (cold ironing) che permetterà alle navi in sosta di spegnere i motori e alimentarsi tramite energia elettrica, abbattendo le emissioni. Il sistema allo studio avrà la capacità di 16 MVA e sarà realizzato in Project Financing in collaborazione con importanti operatori del settore energetico. Per installare questo sistema l’Adsp ha calcolato un investimento di 30 milioni di euro.

Tags:
Torna su