News

Interoperabilità tra big carrier

Blockchain, nuova alleanza dei mari

di Redazione Port News

Maersk Line, Cma Cgm, Hapag-Lloyd, MSC e Ocean Network Express intendono creare una nuova associazione per promuovere la diffusione del blockchain. La decisione è stata annunciata stamani attraverso un comunicato stampa congiunto  e fa seguito alla pubblicazione dei risultati di un sondaggio promosso da INTTRA, principale network dedicato al trasporto marittimo di cui fanno parte 60 operatori del comparto container, tra armatori e NVOCC: il 91% degli intervistati – tutti esperti di settore – ritiene che la creazione di “data strandards” tra i carrier sia ormai una priorità.

Digitalizzazione, standardizzazione e interoperabilità saranno le tre gambe su cui si reggerà questa nuova alleanza dei mari. I tecnici delle cinque compagnie sono già a lavoro per realizzare un modello standard accessibile a tutti e attraverso il quale condividere in tempo reale informazioni sui trade flows sia fisici che finanziari. L’obiettivo è quello di aumentare l’integrità dei dati e la fiducia tra le parti, promuovendo una visione unica e condivisa sulla supply chain e sugli eventi logistici.

«Tutti insieme potremo organizzare e condividere i dati blockchain con un livello maggiore di interoperabilità tramite l’uso di appositi standard», ha dichiarato il portavoce del gruppo, nonché direttore dell’ufficio ICT di MSC, André Simha, che ha aggiunto: «L’associazione non intende creare una propria piattaforma digitale, ma guarda alla standardizzazione degli processi e dei protocolli di comunicazione tra carrier, clienti e terze parti. Vogliamo sforzarci di eliminare le lungaggini burocratiche e promuovere una maggiore trasparenza nello scambio delle informazioni».

Torna su