News

CIN, la Procura chiede il fallimento

di Redazione

La Procura di Milano ha depositato al Tribunale istanza di fallimento nei confronti di Cin, la Compagnia italiana di navigazione nata dalla privatizzazione dell’ex statale Tirrenia, dal 2015 sotto il controllo esclusivo della holding dell’armatore Vincenzo Onorato.

Lo riporta l’Ansa, aggiungendo che la richiesta è stata avanzata dal pm Roberto Fontana nell’udienza fissata sulla base dell’articolo 162 che regola la “inammissibilità della proposta” del piano di ristrutturazione che Cin aveva annunciato di voler presentare.

Il pm non si è opposto a un rinvio, in tempi contenuti, dell’udienza in merito alla richiesta di fallimento. I giudici stanno ora decidendo se rinviare o meno.

Nove mesi fa, il gruppo Onorato aveva avanza la richiesta di concordato in bianco per le sue principali controllate, Cin e Moby. Il gruppo non ha però presentato il piano di concordato per CIN puntando su un accordo di ristrutturazione del debito. Che ad oggi non è stato raggiunto con la chi detiene il 60% dei crediti aziendali.

Il prossimo 6 maggio il Tribunale di Milano deciderà sull’istanza di fallimento dell’azienda attualmente concessionaria di 72 milioni di contributi pubblici offerti per la continuità territoriale dei collegamenti da e verso le isole maggiori.