News

Effetto Coronavirus

Cina, container in calo del 20% da gennaio

di Redazione Port News

Effetto Coronavirus. Da gennaio i volumi containerizzati in arrivo e partenza dai principali porti cinesi sono crollati del 20% ed è previsto che per il primo trimestre diminuiscano complessivamente di circa 6 milioni di TEU.

La previsione è della società di analisi francese, Alphaliner, che nella sua newsletter settimanale ha anche stimato come la crescita del traffico containerizzato globale diminuirà di 0,7 punti percentuali di qui alla fine dell’anno.

Intanto, mentre a Pechino regna il caos, gli spedizionieri si stanno ponendo il problema di come gestire il prossimo ritorno all’operatività delle imprese cinesi, ancora chiuse per effetto del prolungamento del Lunar New Year.

A breve, giusto il tempo che le fabbriche riaprano i battenti, gli ocean shipper si troveranno infatti a dover smaltire una grande quantità di ordini rimasta sino ad oggi inevasa a causa del freno a mano tirato all’economia cinese.

Il problema principale sarà quello di dover far fronte alla riduzione dell’offerta di stiva nel trasporto marittimo di container.  In attesa che i commerci via mare riprendano a pieno ritmo, molte case di spedizione starebbero valutando la possibilità di usare altre modalità di trasporto, ricorrendo alla ferrovia od organizzando voli cargo charterizzati.

Torna su