News

La relazione dell'AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale

Civitavecchia: quanto costa la crisi

di Redazione Port News

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale prevede di archiviare il 2020 con una perdita di circa 20 milioni di euro.

Lo ha reso noto venerdì il presidente dell’AdSP, Francesco di Majo, nel corso di un’audizione presso la sesta commissione (Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità, trasporti) del Consiglio Regionale del Lazio incentrata sulla situazione del sistema portuale del Lazio in emergenza Covid-19 e sulle misure da porre in essere nella fase di ripartenza.

«Tutti i settori, tranne uno – ha sottolineato di Majo – sono in fortissima sofferenza a causa di questa crisi di emergenza sanitaria. Il più colpito di tutti è sicuramente quello crocieristico, che ha avuto un crollo vertiginoso nel mese di marzo. Non ci sono più navi da crociera che arrivano al porto di Civitavecchia e tutti gli analisti dicono che il settore non vedrà ripresa fino a settembre-ottobre».

Anche il settore dei traghetti è in crisi: «le linee  sono operative limitatamente al trasporto di Tir e merci, non di passeggeri, tranne casi eccezionali (come i rimpatri da Barcellona o esigenze particolare dalla Sardegna). A differenza del crocierismo, però, in questo settore si prevede una leggera ripresa a giugno-luglio».

Il settore delle merci è invece quello meno colpito dalla crisi e dalle misure restrittive: «Il traffico – ha rilevato di Majo – continua a essere svolto, con riduzioni in alcuni comparti ma addirittura in leggero aumento in altri».

Torna su