News

J'accuse

Confetra contro la gabella ad ART

di Redazione Port News

“In Italia tutti gli oneri fiscali ed amministrativi, per tutte le imprese, sono stati rinviati dal DL Cura Italia. Tranne la gabella per ART. Complimenti”.

Confetra ha commentato così la decisione dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti di chiedere il versamento del contributo annuale per il funzionamento.

Sul proprio sito on line, l’Autorità ha infatti scritto che “l’emergenza SARS-COVID-19 produce effetti anche sulla libera circolazione di persone e merci. Tuttavia, proprio nei trasporti, prima che in altri settori, sono attesi segnali di ripresa in ragione della funzione essenziale di servizio a favore di imprese, utenti e passeggeri”.

In ragione di ciò, e non essendo stati disposti per legge provvedimenti che differiscano o sospendano la richiesta di versamento del contributo, l’ART ha pubblicato in una apposita sezione le informazioni per la dichiarazione e il pagamento di quanto dovuto dagli operatori economici del settore del trasporto, con prima scadenza il 30 aprile.

L’Autorità è stata istituita nel 2011, è competente nel settore dei trasporti e dell’accesso alle relative infrastrutture ed è finanziata con un contributo versato dai gestori delle infrastrutture e dei servizi regolati in misura non superiore all’uno per mille del fatturato dell’ultimo esercizio.