News

Integrazione ferrovia-dogana

Dall’UE 5 milioni di euro per I-RAIL

di Redazione Port News

Il progetto europeo I RAIL ha ottenuto il cofinanziamento europeo da parte della Direzione Generale per la Mobilità e i Trasporti (DG Move) nel Connecting Europe Facilitiy (CEF), lo strumento di finanziamento chiave dell’UE per promuovere la crescita, l’occupazione e la competitività attraverso investimenti mirati a livello europeo.

Lo ha annunciato la Confederazione Italiana dei Trasporti e della Logistica (Confetra), specificando che il progetto ha come obiettivo quello di attuare e sviluppare procedure a livello europeo tra gli operatori ferroviari al fine di contribuire a un sistema di scambio di informazioni interoperabile ed efficiente in termini di costi per l’Europa, che soddisfi i requisiti delle direttive sull’interoperabilità e sulla sicurezza.

Secondo Confetra I RAIL, che comprende l’Italia, la Spagna e il Portogallo, rappresenta per la compagine italiana formata, oltre che da alcune aziende del cargo ferroviario merci, da Agenzia delle Dogane, Confetra, Circle, e AdSP del Mar Ligure Orientale, una eccellente opportunità di innovazione e digitalizzazione dei processi ferroviari, logistici e doganali in coerenza con un quadro europeo che vede l’integrazione e l’interoperabilità dei sistemi come paradigma fondamentale per lo sviluppo di un trasporto efficiente ed efficace.

In particolare per l’Italia l’obiettivo è lo sviluppo di nuovi processi interoperabili digitali non solo con dati ferroviari, ma anche inerenti a informazioni a valenza logistica e doganale a supporto di imprese ferroviarie, terminal ferroviari e Multimodal Transport Operator in primis.

I RAIL prevede nel periodo 1 gennaio 2019 – 31 dicembre 2022 un costo complessivo di quasi 12  milioni di euro e la Commissione Europea ha confermato il co-finanziamento europeo richiesto che è pari a 4,8 milioni di euro, il 40% del totale.

Torna su