News

Nuovi orizzonti

F2i compra la Porto di Carrara Spa

di Redazione Port News

F2i, il maggiore fondo infrastrutturale italiano con una dotazione di circa cinque miliardi di euro, ha annunciato l’ingresso nel settore dei porti con l’acquisizione di Gruppo Porto di Carrara Spa (PDC Spa), che gestisce terminali portuali a Carrara, Marghera e Chioggia, movimentando annualmente un traffico di circa cinque milioni di tonnellate di rinfuse solide.

Con l’operazione F2i ha rilevato la quota di maggioranza di Porto di Carrara detenuta dall’armatore e operatore portuale Enrico Bogazzi e quella di minoranza detenuta dalla cooperativa di servizi portuali Ciclat. L’investimento è stato realizzato attraverso il terzo fondo F2i, assistito da Venice Shipping and Logistics (VSL) in qualità di advisor industriale.

Il gruppo Porto di Carrara ha chiuso il 2018 con circa 59 milioni di euro di ricavi consolidati, e rappresenta uno dei principali hub portuali italiani, opera nel settore strategico dell’approvvigionamento di alcune delle principali filiere industriali italiane.

«F2i ha deciso di entrare nel settore dei terminali portali per rinfuse perché si tratta di un’infrastruttura vitale per l’approvvigionamento delle filiere industriali italiane e uno snodo strategico per l’attività economica del Paese» ha commentato Renato Ravanelli, amministratore delegato del fondo F2i.

Torna su