News

Covid-19 e logistica

Il CNEL annuncia uno stress-test

di Redazione Port News

Uno stress test per tastare il polso dei dieci settori economici più in difficoltà, a cominciare dal turismo e dal comparto dei trasporti e della logistica. Lo eseguirà il Cnel, mercoledì prossimo. A darne l’annuncio, in una nota stampa, il presidente dell’Ente, Tiziano Treu.

«Nei giorni scorsi abbiamo rischiato l’avvitamento in una crisi finanziaria che avrebbe reso impossibile la ripartenza al termine l’emergenza. Per fortuna, questo scivolamento è al momento evitato grazie all’intervento seppur tardivo della BCE. Ma quanto riuscirà a reggere ancora il nostro Paese? Per questo serve dunque un vero stress-test generale», ha detto Treu.

Lo stress-test, che prevede un’ampia fase di ricognizione, ascolto e monitoraggio, sarà impostato partendo dal dato del bilancio pubblico del 2019 che è stato positivo (1,6% di disavanzo, contro un obiettivo di 2,2%).

Secondo l’ex ministro la pandemia ha completamente paralizzato i due pilastri sui quali l’Italia ha retto l’urto della grande recessione 2008-2015: le esportazioni e la filiera del turismo e dell’agroalimentare, che ha nella ristorazione interna ed internazionale il suo punto di forza.

«Senza il decennale successo di questi due assi strutturali oggi registreremmo un livello di reddito inferiore del 25% rispetto al 2008, invece del -4% di prima della crisi», si legge nella nota stampa pubblicata sul sito dell’Ente.

La paralisi della produzione di interi settori che l’Italia ha dovuto fermare per contrastare la diffusione del contagio, impone, quindi, «una verifica di tutte le risorse strategiche di cui il Paese dispone per la ripartenza ed esige la identificazione dei colli di bottiglia di cui l’emergenza pandemica ha mostrato in tutta evidenza l’esistenza».

Per Treu lo stress test darà la possibilità di valutare «non solo come reagire, ma anche come superare le strozzature che ci sono».

Torna su