News

La sorpresa

Import USA, un 2020 da record

di Redazione Port News

Nonostante gli effetti negativi della crisi pandemica, gli Stati Uniti  potrebbero aver chiuso il 2020 con un nuovo record nelle importazioni di merce containerizzata: arrivando a totalizzare 21,9 milioni di TEU, +1,5% rispetto ai volumi in import del 2019.

La previsione è della National Rail Federation, che assieme alla Hackett Associates ha fornito nel Global Port Tracker mensile le prime proiezioni sul mese di dicembre, indicando una movimentazione complessiva in import di 2,02 milioni di TEU, con un -17,3% su base annuale. Se la proiezione venisse confermata dai dati ufficiali, si tratterebbe della sesta volta negli ultimi vent’anni che i container complessivamente sbarcati nei porti americani superano la soglia dei 2 milioni di TEU.

“I consumatori e i retailer stanno dimostrando una non comune capacità di resilienza di fronte a una delle sfide più difficili di sempre” ha dichiarato Jonathan Gold, vice presidente della supply chain and custom policy della National Rail Federation. Grazie agli stimoli e agli incentivi del Governo, le vendite retail sono notevolmente aumentate nel corso 2020.

E il 2021 potrebbe iniziare con nuove speranze di crescita. Le previsioni per gennaio parlano di una movimentazione complessiva in import di 1,96 milioni di TEU, con un +7,7% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Febbraio e Marzo potrebbero far registrare rispettivamente incrementi su base annuale del 6,1 e del 19%, a 1,6 ed 1,64 milioni di TEU.