News

Grido di allarme di Conftrasporto

L’Autotrasporto rischia il collasso

di Redazione Port News

Il comparto dell’autotrasporto rischia un calo medio dei fatturati di oltre il 60% con punte del 90%. A lanciare il grido di allarme è il presidente di Confcommercio e Conftrasporto, Paolo Uggé, che fa osservare come l’operatività delle  imprese di autotrasporto si sia drasticamente ridotta a causa della chiusura dei cantieri e delle attività produttive.

«La percentuale di perdita stimata due settimane fa dal Cerved nel 30% è praticamente raddoppiata nel giro di soli 14 giorni», sottolinea Uggé, che aggiunge: «Nelle autostrade ormai vedi solo motrici: i Tir consegnano la merce e poi tornano vuoti, non riescono più a controbilanciare il viaggio di andata con quello di ritorno. Il settore dei trasporti, che fino ad alcune settimane fa in qualche modo resisteva, sta pericolosamente frenando».

Secondo le rilevazioni di Conftrasporto, con la chiusura di molti stabilimenti produttivi del nord Italia, si è anche invertita la direzione dei traffici: si va dalle regioni meridionali a quelle settentrionali per trasportare generi alimentari, ma poi le motrici dei Tir tornano vuote a destinazione, con una conseguente perdita per le aziende di autotrasporto.

Torna su