News

Assoporti, la parola d’ordine è semplificare

di Redazione

L’Associazione dei Porti Italiani sostiene la proposta di Legge presentata lo scorso 30 novembre dalla deputata IV Raffaella Paita, Presidente della Commissione Trasporti alla Camera dei Deputati, per la semplificazione delle procedure nei porti.

Nella Proposta di Legge, si modificano gli articoli della Legge di riordino della materia portuale che riguardano il Piano Regolatore Portuale, il dragaggio e le procedure di appalto.

Assoporti ha più volte sollecitato la semplificazione e sburocratizzazione delle procedure amministrative per la portualità. Troppo spesso chi gestisce le aree portuali si trova letteralmente ingessato tra procedure e richieste di autorizzazioni da parte di altre strutture, enti o Pubbliche Amministrazioni. Ci sono numerose duplicazioni e sovrapposizioni perla realizzazione di infrastrutture necessarie, ma anche per il rilascio di autorizzazioni e concessioni demaniali. Questi appesantimenti inevitabilmente rallentano la competitività dei nostri porti.

Per il Presidente di Assoporti, Daniele Rossi, “È ora di cambiare rotta. L’On. Paita ha giustamente evidenziato un problema che affrontiamo ogni giorno. Da anni si parla di semplificazione ma ogni volta si aggiungono nuove competenze sull’ambito portuale, oppure procedure che si sovrappongono a quelle già esistenti. Adesso occorre accompagnare i fondi della Next Generation EU con la semplificazione.”