News

Effetto Coronavirus

Previsioni fosche in casa Maersk

di Redazione Port News

Nel secondo trimestre i volumi di traffico movimentati da Mærsk potrebbero diminuire del 20/25% a causa della stagnazione della domanda di trasporto marittimo.

Lo ha affermato il ceo del gruppo danese, Søren Skou, presentando i dati contabili di gennaio-marzo 2020. La società ha chiuso il trimestre con un utile netto di 197 milioni di dollari rispetto alla perdita di 69 milioni di dollari del trimestre dell’anno precedente. I ricavi sono ammontati a 7,23 miliardi di dollari, con una crescita del 4,3%. Nel suo complesso il gruppo A.P. Moeller Maersk ha generato ricavi complessivi per un totale di 9,57 miliardi di dollari.

In diminuzione del 3,2% i volumi di carichi containerizzati trasportati dalla flotta, che sono stati pari a 3,05 milioni di FEU(Forty Equivalent Unit). Il calo è da attribuirsi chiaramente alla difficile situazione congiunturale, che ha avuto come conseguenza la cancellazione di 90 partenze nell’ambito del network. La capacità media della flotta messa in mare è diminuita del 3,5%.

Torna su