News

I risultati contabili del 2° trimestre

Profitti da capogiro per Bahri

di Redazione Port News

Nel secondo trimestre dell’anno la compagnia saudita Bahri ha registrato un incremento dei profitti netti del 1569%, a 202,8 milioni di dollari. I ricavi sono complessivamente aumentati del 145%, arrivando a quota 940 milioni di dollari.

Il periodo aprile-giugno si è insomma chiuso nel migliore dei modi per la società specializzata nel trasporto di greggio e prodotti chimici. A trainare le buone performance sono state sicuramente le rate di nolo. Nel periodo di riferimento, le grandi petroliere (le VLCC) hanno viaggiato a una media di 220.000 dollari giornalieri lungo la rotta Middle East/Asia.

Bahri, che possiede una flotta di 41 VLCC, e 34 unità navali tra chimichiere, product tanker e navi multipurpose, è stato uno dei maggiori noleggiatori di navi nel primo semestre, soprattutto quando, a inizio marzo, l’Arabia Saudita ha cominciato a inondare il mercato di petrolio a basso costo come forma di ritorsione nei confronti della decisione della Russia di non applicare una più drastica politica di contenimento della propria capacità produttiva.

Tra gennaio e giugno Bahri ha fatto segnare un profitto netto in crescita del 425% sullo stesso periodo dell’anno precedente. I ricavi sono aumentati del 78%.

Tags:
Torna su