News

Coronavirus e traffici

Rotte tempestose tra Ningbo e USA

di Redazione

Tra le varie conseguenze che il Coronavirus sta avendo sul mercato marittimo ce ne sono di ben visibili sull’andamento dei noli di container.

Il China Ningbo Containerized Freight Index (NFCI), barometro delle aspettative degli armatori basato sul prezzo dei noli lungo 21 rotte che partono dal porto di Ningbo-Zhiushan, è diminuito dell’1,1% rispetto alle settimana scorsa, attestandosi a 771,8 punti.

La dinamica si evidenzia in particolare lungo le rotte che collegano lo scalo portuale cinese alle due sponde degli Stati Uniti d’America. In direzione eastbound il NFCI è diminuito del 2,5%, a quota 983,5 punti, mentre in direzione westbound la diminuzione è stata pari al 3,2% (939,9 punti).

D’altronde, sono un po’ tutti i porti cinesi ad aver rallentato: sulla base dei dati di gennaio e febbraio diffusi dal Ministero dei Trasporti di Pechino, il calo in termini di movimentazione dei container è pressoché generalizzato: nei primi due mesi dell’anno Ningbo che Shanghai hanno movimentato rispettivamente 4,06 e 5,9 milioni di TEU, oltre il 10% in meno per entrambi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Tags:
Torna su