News

Nel Santuario dei Cetacei

Scontro tra navi al largo della Corsica

di Redazione

Alle 7 di domenica mattina la nave tunisina Ulysse, partita da Genova e diretta a Tunisi, si è schiantata contro la portacontainer cipriota Cls Virginia, ancorata alla fonda.

A seguito della collisione – verificatasi a 28 km a nord-ovest di capo Corso, la punta settentrionale della Corsica – la portacontainer avrebbe perso 600 metri cubi di olio carburante. Lo sversamento ha prodotto una chiazza che si è estesa per venti chilometri quadrati, arrivando a 40 km di distanza dall’Isola di Capraia.

Al momento le autorità francesi coordinano le operazioni di contenimento dell’inquinamento, in ottemperanza al piano d’intervento Ramogepol, istituito tra Francia, Italia e Principato di Monaco per la lotta contro gli inquinamenti marini accidentali nel Mediterraneo.

Su direttiva del ministro dell’Ambiente italiano, sono state inviate anche tre unità navali d’altura: si tratta di mezzi della Castalia, adibiti al contenimento dello sversamento. Sono la Nos Taurus di Livorno, la Bonassola di Genova e la Koral da Olbia.

L’incidente è avvenuto nell’area marina protetta del Santuario Internazionale dei Cetacei. La Ulisse, per motivi non ancora chiariti, non ha visto il cargo e lo ha colpito su una fiancata. Tra le ipotesi su cui stanno indagando le autorità: un guasto al radar, l’errore umano o la velocità troppo elevata del mercantile tunisino.

Tags:
Torna su