© Luigi Angelica
News

L'AdSP di Livorno scommette sul suo interporto

Vespucci, ok all’aumento di capitale

di Redazione Port News

Ora è ufficiale, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale ha rafforzato la propria presenza nell’Interporto Vespucci, sottoscrivendo l’aumento di capitale pari a 6,6 milioni di euro.

Con il raggiungimento del 30,28 % delle quote, l’Ente che guida i porti di Livorno e Piombino diventa il principale socio di riferimento per la Società Vespucci.

Come ha comunicato la stessa società in una nota stampa inviata poco fa, il nuovo accordo con le banche – divenuto efficace proprio oggi -prevede un piano di dismissioni con il quale entro il 2025 sarà rimborsato interamente il debito pregresso, e che già adesso si è ridotto del 50%.

L’aumento di Capitale e il nuovo accordo hanno come presupposto il nuovo piano industriale del Vespucci che prevede importanti investimenti per 12 milioni di euro nel settore della logistica, dell’energia e dell’intermodalità.

La Società conferma il proprio impegno nell’attuazione dei piani di sviluppo contenuti nel Piano Industriale che proiettano il Vespucci nel ruolo di struttura strategica per lo sviluppo del sistema logistico e portuale dell’area livornese.

Impegni già in fase di realizzazione con la costruzione del nuovo impianto per lo stoccaggio di merce surgelata  a completamento della filiera del “freddo” e con la prossima realizzazione di un grande Truck Village a servizio del mondo dell’autotrasporto con annessi servizi ed un nuovo impianto di produzione di energia; investimenti che proprio in questi giorni hanno visto l’assegnazione da parte del MIT di un importante contributo di oltre 3 milioni di euro.

Torna su