News

Shipping e finanza

ZIM, terzo trimestre in perdita

di Redazione Port News

Aumentano i carichi containerizzati ma crescono anche i costi (specialmente quelli del carburante) e, soprattutto, calano le tariffe di nolo.  Questi fattori hanno innescato un mix micidiale per la compagnia di navigazione israeliana ZIM, che ha chiuso il terzo trimestre con una perdita di 6,6 milioni di dollari rispetto ad un utile netto di 25,2 milioni di dollari nello stesso periodo del 1017.

Tra luglio e settembre i ricavi sono stati pari a 840,7 milioni di dollari (+2,9%) mai i costi sono aumentati del 10% arrivando a 768,3 milioni di dollari. L’EBIDTA ha registrato una contrazione del -47,0% attestandosi a 44,3 milioni di dollari e l’utile operativo è calato del -70,2% a 16,1 milioni di dollari.

Nei primi nove mesi del 2018, il big operator ha movimentato 2,2 milioni di TEU (+13,1% sullo stesso periodo dell’anno scorso). Il totale dei ricavi è risultato pari a 2,39 miliardi di dollari (+8,0%), mentre i costi sono ammontati a 2,22 miliardi di dollari (+15,8%).

 

Torna su